31 Ottobre 2016

Quando l’amore vi chiama, seguitelo

By ViS

31

water-1158566_640Quando l’amore vi chiama, seguitelo, anche se la via è dura e scomoda.

E quando le sue ali vi avvolgono abbandonatevi in lui, anche se la spada nascosta tra le sue piume può ferirvi.

E quando vi parla credetegli, anche se la sua voce può spezzare i vostri sogni, come il vento del nord devasta il giardino.

Perchè come l’amore vi incorona, così vi crocifigge. E come è per la vostra crescita, così è il il vostro sfiorire.

Anche se sale ala vostra altezza e carezza i rami più teneri che tremano al sole, così scenderà alle radici e le scuoterà nel loro aggrapparsi alla terra.

Come covoni di grano vi unisce a sè.

V i scuote per ripulirvi.

Vi staccia (setaccia) per liberarvi dalle reste.

Vi macina fino alla bianchezza.

Vi impasta fino a che siate cedevoli.

E poi vi assegna al fuoco sacro, per rendervi sacro pane per la mensa di Dio.

Tutto questo farà l’amore per voi, perchè conosciate i segreti del vostro cuore, e nella conoscenza diveniate un frammento del cuore della Vita.

Ma se presi dal timore cercaste solo la pace e il piacere dell’amore, meglio sarebbe che copriste le vostre nudità e usciste dalla sua aia, nel mondo senza stagioni dove riderete, ma non tutte le vostre risate, e piangerete, ma non tutte le vostre lacrime.

L’amore non dà che se stesso e on toglie che se stesso.

L’amore non possiede e né vorrebbe essere posseduto.

Poichè l’amore basta all’amore.

Quando amate, non doveste dire “Dio è nel mio cuore” ma “Io sono il cuore di Dio.”

E non pensate di poter dirigere il corso dell’amore, perchè è lui che, se vi trova degni, dirige il vostro corso.

Amore non ha altro desiderio che riempirsi. Ma se amate e avete bisogno di desideri, siano questi:

Mescolarsi ed essere un ruscello rapido che canta la sua melodia nella notte.

Conoscere la pena di così tanta tenerezza.

Essere feriti dalla vostra conoscenza dell’amore; e sanguinare volentieri e con gioia.

Svegliarsi all’alba con un cuore alato e ringraziare un altro giorno d’amore;  fermarsi al mezzoggiorno e riflettere sull’estasi d’amore;

Ritornare a casa a sera con gratitudine; e poi dormire con una preghiera per l’amato nel vostro cuore e un canto di lode sulle labbra.

Tratto da: “Il profeta, Kahlil Gibran”.