26 Ottobre 2017

I trucchi psicologici del tasto Like (seconda parte)

By ViS

likeDIPENDENZA DA TASTO LIKE. È proprio Justin Rosenstein, l’ingegnere che ha inventato per Facebook il tasto like, ad affermare che ricevere like è una gratificazione che può creare dipendenza. In realtà, sembra proprio che abbia effetti misurabili su cervello in termini di rilascio di dopamina (l’ormone connesso con il senso di piacere che deriva dal sesso, dal buon cibo, dalla musica o dall’assunzione di droghe).

MEDIE IMPRESSIONANTI. Bene. Una ricerca condotta dalla piattaforma dscout su un campione di utenti di telefonini americani rileva una media di 76 accessi al giorno. Gli utilizzatori più intensivi arrivano ad accedere al telefonino 132 volte al giorno.
Ma ad essere impressionante è la media delle interazioni con l’apparecchio (toccare, scorrere e così via. E ovviamente premere il tasto like): sono 2617 gesti al giorno, ciascuno dei quali chiede che l’attenzione sia rivolta allo schermo. Dai, sarà per via della dopamina. E se proprio non vogliamo usare il termine “dipendenza”, certo si può parlare di utilizzo compulsivo del cellulare.

CONFERME EMPIRICHE. Se cerchiamo una conferma empirica del dato, ci basta fare un giro sulla metropolitana milanese: tutti col naso sullo schermo, comprese le persone davanti all’uscita. Che inciampano tenendo il naso sullo schermo. Salgono le scale tenendo il naso sullo schermo. Si avviano verso la prossima puntata delle loro vite col naso incollato allo schermo. E forse, invece che guardarsi allo specchio la mattina, si fanno un selfie: chissà, magari qualcuno premerà il tasto like.

È TUTTA PUBBLICITÀ. Ovviamente, non veniamo persuasi a stare in rete perché siamo belli e bravi, ma perché il nostro sguardo viene venduto agli inserzionisti pubblicitari. E di questo dobbiamo ricordarci. Il meccanismo, in realtà, non è così diverso da quello delle televisioni commerciali (lo zuccherino di programmi attraenti e gratuiti in cambio del tempo passato a guardare la pubblicità), ma in rete è più sottile e insidioso perché è personalizzato. E perché è pervasivo: uno in metropolitana non si porta certo il televisore, ma il telefonino, sì.

TROVARE UN LIMITE? Rosenstein oggi autolimita il proprio accesso al cellulare. Molti altri giovani tecnologi della Silicon Valley stanno facendo altrettanto. Sono gli stessi che mandano i propri figli in costose scuole steineriane, dove i bimbi fanno giochi tradizionali, e non c’è l’ombra di un cellulare. Ma la cosa più paradossale è questa: per contrastare le gratificazioni da rete, oggi c’è un’app che ti premia tanto più quanto più resti disconnesso.

QUANTO PREOCCUPARSI? Dobbiamo proprio preoccuparci? Lo scrivevo qualche riga fa: per motivi anagrafici, tendo a non agitarmi troppo. E, d’altra parte, anche questo articolo appare in rete, quindi sarebbe curioso se si concludesse con un veemente appello a staccarsi subito dallo schermo.
Infine: è comunque un fatto positivo che appaiano articoli come quello del Guardian, e che più in generale l’attenzione critica ai meccanismi della rete sia molto cresciuta da un anno a questa parte.

ATTENZIONE ALL’ATTENZIONE. Però. Però è vero che gli schermi, e soprattutto i piccoli schermi dei cellulari, ci chiedono un’attenzione tanto reiterata quanto superficiale. Che ci orientano verso contenuti semplificati, frammentati e sensazionalistici, e poco importa che siano veri o falsi. Che ci accompagnano sempre, e rischiano di distoglierci dal mondo reale.
Forse, per cominciare, potremmo imparare a stare più attenti a dove investiamo la nostra attenzione: il fatto che abbia un valore per gli inserzionisti pubblicitari dovrebbe convincerci che ha un valore anche per noi, e per le nostre vite.

Annamaria Testa

nuovoeutile.it